Risarcimento danni per caduta in strada

Risarcimento danni per caduta in strada: quando e come ottenerlo

Sapevi che hai diritto al risarcimento danni per caduta in strada se scivoli in una zona sdrucciolevole non adeguatamente segnalata?

E noi possiamo aiutarti ad ottenerlo.

 

 

Chi è responsabile del risarcimento danni per caduta in strada?

Secondo l’art. 2051 c.c. colui che ha la custodia di un oggetto è responsabile per i danni da esso causati.

Quando si verificano cadute dovute a buche stradali, di solito è l’ente locale responsabile della gestione delle infrastrutture stradali (come il Comune per le strade urbane o la Provincia per le strade provinciali), a dover segnalare la presenza di pericoli per strada.

Pertanto, se ritenuti responsabili, tali enti devono provvedere al risarcimento dei danni provocati.

 

Come richiedere il risarcimento dei danni per caduta in strada?

Per richiedere un risarcimento per danni causati da un tombino o una buca non segnalata, ci sono due opzioni:

  • tentare una conciliazione con l’ente responsabile delle strade dissestate
  • se la conciliazione non ha successo, si può avviare una causa legale.

I danni subiti saranno valutati in base alle Tabelle per la liquidazione del danno biologico utilizzate dai Tribunali di Milano e Roma.

Siamo qui per fornire assistenza in questo processo.

 

Come ti aiutiamo ad ottenere un risarcimento per caduta in strada

Sertic nasce con lo scopo di assistere i consumatori e la nostra mission è partecipare, capire, ascoltare e risolvere i problemi che ogni giorno interrompono la serenità di ogni cittadino.

Ti offriamo assistenza qualificata, con l’apporto di avvocati specializzati in materia che ti terranno aggiornato sul progresso della pratica e lavoreranno per farti ottenere il risarcimento per caduta in strada che ti spetta.

Leggi su Trustpilot le esperienze di chi prima di te si è fidato di noi per soddisfare le tue stesse esigenze.

 

INVIA LA TUA SEGNALAZIONE


 

Cosa serve per la richiesta di risarcimento per caduta?

Per avanzare con la tua richiesta di risarcimento per una caduta causata da un tombino o da una buca non segnalata, è essenziale avere una documentazione completa. Ecco cosa devi fare dopo l’incidente:

  • scatta delle foto del luogo dell’incidente che mostrino chiaramente l’insidia che ha causato il danno
  • chiedi a testimoni presenti di fornire la loro testimonianza, che sarà cruciale nel processo con l’ente responsabile della manutenzione stradale
  • conserva tutti i documenti relativi all’incidente e ai rilievi stradali, inclusi il verbale dell’autorità intervenuta sul luogo (polizia municipale, carabinieri, ecc.)
  • raccogli tutta la documentazione medica che attesti il danno subito
  • conserva tutte le fatture che dimostrano le spese mediche sostenute per visite, esami e ausili.

 

Quali sono i termini di prescrizione per il risarcimento caduta in strada?

Secondo l’articolo 2947 del Codice Civile, il diritto al risarcimento per un fatto illecito si prescrive entro 5 anni. Tale termine si applica anche al risarcimento dei danni per una caduta in strada.

Se la caduta è causata da un reato commesso da altri, il termine di prescrizione può essere esteso e inizia a decorrere anche se non è stata avviata un’azione penale.

Non perdere tempo, contattaci immediatamente per ottenere il risarcimento che ti spetta.

 

Che responsabilità ha il Comune?

Il Comune, insieme alle altre Pubbliche Amministrazioni, è tenuto alla manutenzione degli spazi pubblici e responsabile per i danni a persone causati da negligenza o cattiva manutenzione, secondo l’articolo 2051 del Codice Civile.

La responsabilità è considerata “oggettiva”, significando che la P.A. deve risarcire il danno indipendentemente dalla sua conoscenza previa del problema, come una buca stradale o un marciapiede danneggiato che ha provocato un incidente.

In caso di danno, non è necessario che il cittadino dimostri la colpa del Comune; spetta invece a quest’ultimo provare che l’incidente è stato causato da un evento imprevedibile e inevitabile, come condizioni meteorologiche estreme, frane, terremoti o inondazioni.

La responsabilità di fornire questa prova incombe interamente alla Pubblica Amministrazione coinvolta.

 

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *