Prescrizione bolletta gas

Prescrizione bolletta gas e recupero crediti: cosa fare

Se è intervenuta la prescrizione della bolletta gas non pagare!

E se il fornitore ti ha inviato dei solleciti tramite un’agenzia di recupero crediti, ti aiutiamo noi a risolvere il problema.

 

 

Quali sono i termini di prescrizione delle bollette gas?

I termini di prescrizione per le bollette del gas sono determinati come segue:

  • 2 anni per le bollette di gas fatturate a partire dal 2 gennaio 2019
  • 5 anni per i consumi registrati prima di questa data.

Per esempio, per una bolletta che riguarda i consumi di gennaio 2018, il diritto alla riscossione del fornitore è scaduto a gennaio 2023.

 

Recupero crediti e bolletta gas in prescrizione: cosa fare?

Nel caso in cui un fornitore, attraverso un’agenzia di recupero crediti, richieda il pagamento di una fattura datata oltre due anni, possiamo opporci a tale domanda facendo leva sulla normativa che regola la prescrizione delle bollette del gas.

Per contestare efficacemente questa richiesta, procederemo all’invio di un reclamo ufficiale utilizzando la Raccomandata A/R, il Fax o la Posta Elettronica Certificata (PEC).

Qualora il fornitore, nonostante la prescrizione, continuasse a sollecitare il pagamento attraverso l’emissione di un decreto ingiuntivo, non c’è motivo di allarmarsi. Disponiamo del diritto di presentare opposizione entro un termine di 40 giorni dal momento in cui tale decreto viene ricevuto, invocando la prescrizione come fondamento della nostra difesa.

Ci impegniamo a fornirti assistenza lungo tutto questo iter, assicurandoti una protezione

 

Come ti aiutiamo con le bollette del gas prescritte

Sertic nasce con lo scopo di assistere i consumatori e la nostra mission è partecipare, capire, ascoltare e risolvere i problemi che ogni giorno interrompono la serenità di ogni cittadino.

Ti offriamo assistenza qualificata, con l’apporto di avvocati specializzati in materia che ti terranno aggiornato sul progresso della pratica e lavoreranno per tutelarti.

Leggi su Trustpilot le esperienze di chi prima di te si è fidato di noi per soddisfare le tue stesse esigenze.

 

INVIA LA TUA SEGNALAZIONE


 

Cos’e la prescrizione bolletta gas?

La prescrizione delle fatture del gas si riferisce al termine dopo il quale il gestore del servizio non può più richiedere il pagamento di una determinata fattura.

Questo concetto è disciplinato dall’art. 2934 del Codice civile, il quale stabilisce che ogni diritto si estingue per prescrizione quando non viene esercitato per il periodo di tempo specificato dalla legge.

In altre parole, se il tempo previsto dalla legge per il pagamento di una fattura è trascorso, il consumatore non è più obbligato a pagare.

Tuttavia, se nonostante ciò il fornitore continua a richiedere il pagamento, noi saremo qui per fornirti assistenza e tutela.

 

Per quanto tempo occorre conservare le bollette gas?

Se il fornitore ti sta sollecitando il pagamento di una bolletta emessa un anno fa, ma sei convinto di averla già saldata, è fondamentale essere in grado di fornire la prova del pagamento effettuato.

Questo è cruciale per evitare di incorrere in un doppio pagamento.

 

Come puoi dimostrarlo?

La documentazione richiesta varia a seconda del metodo di pagamento utilizzato:

  • se hai effettuato il pagamento tramite bollettino postale, dovrai presentare una copia dello stesso o la ricevuta emessa da lottomatica
  • nel caso in cui il pagamento sia stato eseguito online, sarà necessario recuperare la ricevuta o un documento comprovante l’avvenuto pagamento attraverso il sistema online.

Ricorda che il periodo di prescrizione delle bollette del gas è di 2 anni, come già precisato in precedenza.

Pertanto, è consigliabile conservare le bollette per lo stesso periodo di tempo.

Dopo tale periodo, né il fornitore né l’agenzia di recupero crediti possono richiedere il pagamento e non c’è bisogno di conservare ulteriormente le bollette.

 

Spetta il rimborso per bolletta del gas prescritta pagata?

Se hai saldato una bolletta ormai prescritta, sfortunatamente non potrai ottenere il rimborso dei fondi versati.

La normativa vigente preclude la possibilità di richiedere la restituzione di somme pagate per bollette di gas ormai prescritte.

Per prevenire situazioni del genere, ti consigliamo di avvalerti del nostro servizio di consulenza.

Un nostro specialista esaminerà le tue bollette di gas pendenti, fornendoti consulenza dettagliata su come agire correttamente.

 

Quando non si devono pagare le bollette gas di conguaglio?

La fattura di conguaglio riguarda consumi relativi a un lasso temporale antecedente a quello coperto dall’ultima bolletta inviata.

Tale situazione si presenta in vari contesti:

  • quando i consumi precedentemente addebitati si basavano su stime e non su misurazioni effettive
  • nel caso in cui non ci sia stata la copertura dei pagamenti per determinati periodi, indipendentemente dalla causa (compresa la responsabilità del fornitore).

Non è raro che il fornitore o un ente di recupero crediti delegato notifichi richieste di conguaglio anche dopo il periodo legale stabilito.

È cruciale essere informati sui propri diritti, tra cui il fatto che la prescrizione delle fatture del gas opera dopo 2 anni, superati i quali non si è tenuti al pagamento dell’importo richiesto.

Pertanto, se il fornitore persiste nel reclamare un pagamento non più dovuto, siamo pronti ad assisterti.

 

 

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *