Frattura femore risarcimento danni

Frattura del femore e risarcimento danni: come richiederlo

Hai subito una frattura al femore e vuoi richiedere un risarcimento dei danni?

Affidandoti al nostro team di avvocati esperti in materia ricevi il supporto legale necessario ad ottenere giustizia.

 

 

Risarcimento danni per frattura del femore

La frattura del femore, l’osso più lungo e robusto del corpo situato nella coscia, può avvenire a seguito di un incidente stradale o una caduta.

Per quantificare e liquidare il risarcimento per una frattura del femore causata da un incidente, la vittima deve sottoporsi a una visita medico-legale una volta stabilizzata la frattura.

È inoltre necessario attendere la guarigione completa o l’implementazione di tutti i trattamenti volti a ripristinare la salute, in modo da valutare correttamente l’entità del danno.

Per far ciò, il medico legale, utilizzando il metodo tabellare e i “barèmes” (scale di valutazione) per assegnare una percentuale di invalidità, effettuerà una valutazione preliminare del danno.

Questa valutazione si basa sulla documentazione clinica, esami radiologici e visita obiettiva, e quantifica la disfunzionalità nelle attività quotidiane della persona.

 

Richiesta di risarcimento per frattura al femore: come procedere

Per richiedere il risarcimento danni per una frattura al femore, è necessario presentare la domanda alla compagnia assicurativa del veicolo responsabile dell’incidente, oltre che al conducente e al proprietario del mezzo, se questi sono differenti.

La richiesta deve includere i dettagli delle parti coinvolte, i veicoli interessati, la data e il luogo dell’incidente.

Inoltre, devono essere fornite le generalità di eventuali testimoni e degli agenti delle forze dell’ordine intervenuti.

Una volta ricevuta la richiesta, la compagnia assicurativa avvierà la pratica e proporrà una somma di risarcimento entro 90 giorni.

Se vuoi procedere, ti basterà contattarci e avvieremo la pratica per farti ottenere quanto ti spetta.

 

La nostra assistenza

Sertic nasce con lo scopo di capire, ascoltare e risolvere i problemi che ogni giorno interrompono la serenità di cittadini.

Mettiamo a tua disposizione un supporto di alto livello grazie all’intervento di avvocati esperti in materia, che ti terranno costantemente informato sull’evoluzione della tua pratica.

Ci occuperemo di valutare la tua documentazione e farti ottenere il risarcimento per i danni da frattura del femore.

Leggi le testimonianze su Trustpilot di coloro che hanno già scelto di affidarsi a noi per soddisfare le tue stesse necessità.

Non lasciare che l’ingiustizia ti privi dei tuoi diritti.

 

INVIA LA TUA SEGNALAZIONE


 

La negoziazione assistita per la frattura del femore

Se il risarcimento offerto è inferiore alle aspettative, la vittima può rifiutare la proposta. In questo caso, la compagnia assicurativa è comunque tenuta a versare entro 15 giorni l’importo riconosciuto, che sarà considerato un acconto rispetto a eventuali somme maggiori stabilite successivamente.

Prima di avviare un’azione legale, la legge richiede però di tentare la procedura di negoziazione assistita.

Per farlo ti basterà richiedere l’assistenza di un nostro avvocato esperto in materia.

 

Frattura al femore: Valutazione dell’invalidità

Le lesioni e le menomazioni sono generalmente categorizzate in micro e macro-permanenti.

Le prime, con un’invalidità fino al 9%, sono regolate dall’articolo 139 del Codice delle Assicurazioni (D.Lgs. 209/2005).

Le seconde, che vanno dall’10% al 100% di invalidità, fanno riferimento alle Tabelle del Tribunale di Milano.

Il numero di punti di invalidità permanente riconosciuti varia a seconda della tipologia di frattura al femore, del tipo di intervento chirurgico subito dalla vittima, e del suo recupero funzionale organico.

Per esempio, una frattura diafisaria del femore con lievi dolori e limitazioni funzionali può essere valutata intorno al 4%, mentre una frattura diafisaria trattata chirurgicamente con presenza di mezzi di sintesi può essere valutata tra il 5% e il 7%.

Casi più gravi, come la pseudoartrosi da frattura diafisaria del femore, possono portare a un riconoscimento del 15% al 20% di punti di invalidità.

Se la frattura richiede la sostituzione dell’anca con una protesi, questo sarà considerato nella valutazione medico-legale.

 

Frattura dell’acetabolo: Risarcimento e Valutazione dell’Invalidità

Una delle lesioni gravi che possono derivare da un incidente stradale è la frattura dell’acetabolo, che avviene quando una forza spinge la testa del femore contro l’acetabolo.

Questa forza può derivare da un impatto al ginocchio, come accade in caso di urto del ginocchio contro il cruscotto durante una collisione frontale.

A seconda della direzione della forza, la testa del femore può essere spinta al di fuori della cavità dell’anca, causando una lussazione dell’anca.

La frattura dell’acetabolo è una lesione molto complessa che comporta un elevato rischio di invalidità a lungo termine.

 

Frattura al femore: quanto mi pagano per un femore rotto?

Quando si tratta di stabilire un risarcimento per una frattura al femore causata da un incidente stradale, l’intervento di un avvocato diventa fondamentale.

Dopo che il medico legale ha valutato il danno, uno dei nostri avvocati si occuperò di tradurre questo danno in un equivalente monetario.

Questo si fa utilizzando tabelle che convertono i punti percentuali di invalidità in cifre economiche, tenendo in considerazione anche l’età del danneggiato, poiché a ogni anno di età corrisponde un coefficiente che modifica l’ammontare del risarcimento.

 

 

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *